La Nintendo Switch è una console decisamente differente dalle altre. Oltre che per la modalità di gameplay che offre (sia mobile che stazionaria), è l’unica che adotta ancora un formato proprietario per i giochi come le cartucce (oltre al download digitale). Sembra però che la politica di Nintendo si spingerà ancora oltre verso “l’isolazionismo”.

Stando a quanto abbiamo appreso da IGN, alcuni giochi per la Nintendo Switch richiederanno, oltre al gioco in se, anche la presenza di una micro SD dove installare fisicamente il gioco. In pratica, per poter giocare ad alcuni titoli sarà necessario inserire una micro SD.

Alcuni giochi di Switch richiederanno l’acquisto aggiuntivo di una scheda di memoria MicroSD. La nostra gestione della memoria garantisce parecchia flessibilità a coloro che vogliono giocare con questi titoli. Gli utenti possono quindi scegliere quanto spazio acquistare in base al numero, al tipo di gioco e alla mole di contenuti che pensano di scaricare.

A nostro avviso il principale motivo di questa scelta è la scarsa capacità di archiviazione delle cartucce che non riesce a stare dietro alla qualità grafica (e quindi di memoria richiesta) dei giochi più moderni.

NBA 2K18 è uno dei titoli che deve essere obbligatoriamente installato nella memoria di massa rimovibile e, ricordiamo, girerà “solo” a 30 FPS.