L’annuncio delle caratteristiche tecniche ufficiali del nuovo Project Scorpio di casa Microsoft ha fatto riprendere vita la discussione su quale console converrà acquistare per avere una qualità del gameplay superiore: la new entry del colosso di Redmond oppure la PS4 Pro di Sony.

Pur non avendo ancora molte basi su cui discutere dal momento che non è stato pubblicato ancora alcun gameplay di alcuno gioco per il Project Scorpio, vi riportiamo le parole di Danny Garfield, lo sviluppatore di Metronomicon, rilasciate alla redazione di GamingBolt.

Personalmente, non credo che la differenza tra Project Scorpio e Playstation 4 Pro sia abissale. La maggior parte degli utenti si chiede semplicemente se il gioco funziona, se ha un bell’aspetto visivo e se ci si può giocare. Frame rate e risoluzione sono due aspetti che interessano maggiormente ai videogiocatori appassionati di tecnologia. I “casual gamer” e forse anche i “core gamer” molto probabilmente non noteranno grosse differenze tra le due piattaforme.

Insomma, per lo sviluppatore solamente chi sa sa per certo che le caratteristiche tecniche, sulla carta, del Project Scorpio sono superiori a quelle della PS4 Pro potrà notare qualche differenza. Si tratterà per lo più di una sensazione psicologica.

Il signor Garfield ha poi continuato l’intervista fornendo la sua sul futuro delle console e sul loro ciclo di rinnovamento:

[Le console] non potranno permettersi di rimanere troppo indietro, in ambito hardware, ai PC. Inevitabilmente quindi i cicli vitali delle console diventeranno più brevi al fine di garantire prestazioni sempre più simili a quelle offerte dai PC.

Secondo il suo pensiero quindi, per cominciare a parlare di PS5 e “Xbox Two” non è troppo presto.